Italian Italiano

Non solo Rolli

 Foto di Luca Soldano

Via Garibaldi Genova:

La "Strada Nuova" è una delle strade più interessanti del mondo dal punto di vista architettonico. Dal 1550 le maggiori famiglie della città costruirono qui i loro palazzi, originariamente fu chiamata “Via Aurea”.

Rubens tanto si stupì per questi palazzi e per la loro modernità da riunire in un volume i disegni così da essere di esempio alle grandi famiglie di Anversa.

Via Garibaldi può considerarsi l'ideale punto di arrivo per una visita al centro storico di Genova che, dopo quello di Venezia, è il più vasto d’Italia e d’Europa e che nel suo complesso è giunto intatto fino ai nostri giorni.

Dal 2006 le “Strade nuove” (Via Garibaldi, Via Cairoli, Via Balbi) sono state incluse nella Lista del Patrimonio dell’Umanità UNESCO insieme al sistema “I Palazzi Dei Rolli”.

I palazzi dei Rolli:

I nobili genovesi fecero costruire all’interno del centro storico numerosi palazzi di grande splendore.

Un decreto del Senato del 1576 promulgava un “elenco ufficiale dei palazzi dei Rolli” riconoscendone il particolare pregio. Questo stesso decreto obbligava i proprietari dei palazzi ad ospitare visite di stato, in base all’importanza dell’ospite veniva scelto il palazzo.

 

I palazzi dei Rolli sono 114 (42 iscritti dall’UNESCO Patrimonio dell’umanità) ed ancora oggi appartengono in parte a privati.

Non solo Rolli >>>

 

Via Balbi via deve il suo nome alla potente famiglia mercantile dei Balbi che ne promossero la costruzione.....

Palazzo Reale

Via Balbi via deve il suo nome alla potente famiglia mercantile dei Balbi che ne promossero la costruzione nei primi anni del XVII secolo. La parte iniziale della via è invece di costruzione più recente (XIX sec.). A metà di Via Balbi si trova il palazzo più importante della strada: Palazzo Reale, che è uno dei complessi sei-settecenteschi più importanti della città.

Palazzo San Giorgio Genova

Palazzo San Giorgio

Il Palazzo San Giorgio, detto anche Palazzo delle Compere di San Giorgio, e' uno degli edifici storici piu' importanti e conosciuti di Genova.

Tipico esempio di architettura civile medievale, e' situato a Caricamento, al centro dell'arco medioevale del porto antico recuperato alla citta' negli anni novanta.
Fu la sede originaria del Banco di San Giorgio, una delle prime forme di istituzione bancaria sviluppatasi nell'Italia dei Comuni.

Palazzo Ducale

Il Palazzo Ducale di Genova (storicamente conosciuto come Pâxo, contrazione dell'antico termine genovese Parâxo) è uno dei principali edifici storici cittadini. Già sede del dogato dell'antica Repubblica, è attualmente uno dei principali poli museali del capoluogo ligure.
Lasciato in abbandono per lungo tempo, e adibito a sede degli uffici giudiziari prima della costruzione negli anni settanta del nuovo palazzo di giustizia di Portoria, ha visto completare il suo restauro in occasione delle Colombiadi del 1992 con cui vennero commemorati Cristoforo Colombo ed il cinquecentenario della scoperta dell'America.

Anche Palazzo Balbi Senarega è tra i 42 palazzi iscritti ai Rolli di Genova divenuti in tale data Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.

Palazzo Balbi

Edificato in Via Balbi, allora nuova strada di comunicazione, Palazzo Balbi Senarega fu costruito su progetto dell’architetto Bartolomeo Bianco per volere dei fratelli Giacomo e Pantaleo Balbi, ricchi finanzieri dell’epoca.

La villa fu costruita tra il 1560 e il 1563 per Vincenzo Imperiale su progetto dei fratelli Ponzello....

Villa Scassi

La villa fu costruita tra il 1560 e il 1563 per Vincenzo Imperiale su progetto dei fratelli Ponzello.

Dopo due secoli di splendore la villa conobbe, tra il 700 e l’800,  un periodo di degrado dovuto alle vicende storiche di quel tempo:

Edificato tra il 1565 e il 1567 da Francesco Casella per volere di Paolo Battista e Nicolò Interiano. Le notizie successive risalgono ...

Palazzo Battista e Interiano

Edificato tra il 1565 e il 1567 da Francesco Casella per volere di Paolo Battista e Nicolò Interiano. Le notizie successive risalgono all’epoca dei “Rolli”. Per la sua magnificenza ed imponenza il Palazzo viene rappresentato dal Rubens nel suo volume “I palazzi più belli di Genova…”.

Costruita nel XVI secolo dalla famiglia Di Negro, quando molti nobili genovesi fecero costruire le loro “seconde case”,

 Villa Rosazza

Costruita nel XVI secolo dalla famiglia Di Negro, quando molti nobili genovesi fecero costruire le loro “seconde case”, Villa Rosazza (detta lo scoglietto) nel ‘700 fu sottoposta a lavori di recupero della struttura, guidati dall’architetto Tagliafichi che ha introdotto elementi in stile neoclassico. Un giardino all’italiana circonda la costruzione, con fontane e statue, che sale fino a alla collina.

Fu costruita tra il 1853 ed il 1860 per collegare la linea ferroviaria Genova-Torino inaugurata nel febbraio del 1854. La Stazione si trova in Piazza Principe, vicino alla casa del principe ...

Stazione di Principe

Con 42 milioni di passeggeri all’anno è una delle principati stazioni ferroviarie d’Italia, Genova Piazza Principe è, tra le 25 stazioni della città, una delle due principali.

Villa Gruber

La villa, che deve al suo nome al magnate dell’industria austriaco Adolf Gruber che l’acquistò nel 1856, fu costruita dal nobile genovese Stefano de Mari nella seconda metà del Cinquecento nell’elegante quartiere di Castelletto, sorge subito al di sotto dell’antica cinta di mura in posizione elevata e panoramica all’interno di un ampio parco, lo spazio verde si distingueva per la sua bellezza, fontane, scale, terrazze panoramiche, aiuole e giganteschi alberi secolari, negli anni, vari interventi di ristrutturazione, portarono Villa Gruber ad essere quella che conosciamo oggi.

© 2017 InfoGenova. All Rights Reserved. Designed By InfoGenova.info
Free Joomla! templates by Engine Templates

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.